Coppia felice, come sopravvivere all’arrivo dei figli

i-1329349_960_720Ogni giorno vengono nel mio studio persone con difficoltà in vari ambiti della vita e che si trovano a fronteggiare il cambiamento. Un problema che si sta diffondendo molto riguarda la ricerca di nuovi equilibri all’interno della coppia in seguito alla nascita di un figlio.

Quando si passa dall’essere in due all’essere in tre le cose cambiano, eccome se cambiano! Al di là di tanta retorica intorno alla maternità e alla paternità, un bebè è anche un terremoto vero e proprio nelle vite dei neo genitori.

Nessuno ti avvisa che la tua vita subirà drasticamente un cambiamento epocale. Ed è facile che l’esperienza del diventare genitore sia idealizzata, ci si aspettano rose e fiori quando la realtà è sempre molto variegata e comprende le ombre insieme alle luci.

Così ci si ritrova in tre, ma servirebbe una squadra intera per portare avanti tutti gli impegni della vita quotidiana. Le considerazioni sul nostro welfare le lasciamo da parte, servirebbero troppe pagine per discuterne. E’ vero però che negli ultimi decenni i cambiamenti sociali hanno inciso non poco sulla gestione dei figli. Siamo andati incontro ad una privatizzazione dei bambini, a scapito della libertà dei genitori e dell’effettiva possibilità di crescita dei bambini stessi. Prima un bambino non era di proprietà dei soli genitori, ma appartenga al paese, al villaggio. Se il bambino faceva qualche fesseria, ogni adulto aveva il diritto di correggerlo e di fargli notare l’errore. Adesso prova a dire qualcosa ad un bambino che sta distruggendo un cassonetto per strada…se i genitori sono presenti ti diranno di farti gli affari tuoi che il figlio è loro e se lo gestiscono come vogliono! Questa privatizzazione dei figli ha un enorme prezzo da pagare per i genitori: semplicemente non ce la si fa a stare dietro al grande carico di impegni fisici, economici, mentali e lavorativi che un figlio comporta…e la coppia scoppia!

Comunque è possibile per i neo genitori intraprendere delle strategie di prevenzione della crisi, in modo da non arrivare da lì a poco a dover ricorrere ad un percorso di psicoterapia di coppia o peggio alla separazione. Qui voglio darti 4 suggerimenti potenti per aiutarti a non lasciarti sommergere dal terremoto bebè. Continua a leggere

Me lo leggi papà?

Me lo leggi papà? 
La funzione della lettura per la crescita e la relazione con gli altri

me lo leggi papà cviscardo 27 maggio 2016Incontro pubblico e gratuito presso la Biblioteca di Castel Viscardo per parlare insieme di un tema importante.
La lettura di un libro è un atto d’amore, un’attività attraverso la quale ci prendiamo cura del bambino, lo nutriamo di parole. È un modo per alimentare la sete di conoscere, per regalare emozioni, per incuriosire e suscitare domande, per mettere in discussione certezze, modi di pensare e di vedere le cose. Un modo per introdurre il bambino in un altro mondo, un mondo che via via prende vita tra le pagine del libro.

“Aprire un bel libro, appassionarsi, immergersi, perdersi, credergli, che festa!” V. Hugo

VENERDI 27 MAGGIO ORE 17,00 Biblioteca comunale di Castelviscardo
INGRESSO LIBERO

Ti aspetto!

Vedi evento su Facebook

Continua a leggere

Festeggia i tuoi successi

glasses-213156_960_720

Quante volte ti capita di notare solo i tuoi fallimenti e ti dimentichi completamente di festeggiare i tuoi successi? Ascolta il podcast per capire meglio quanto è importante per la tua crescita personale cominciare a valorizzare ciò che fino ad ora hai dato per scontato.