Se mi lasci è la fine. Farò di tutto per te. Io ti salverò!!

1480668544414.jpg--fuggire_fa_aumentare_il_desiderio_dell_altra_persona

Il continuo equilibrio tra dipendere ed essere autonomi

La dipendenza affettiva, o emotiva, trasforma una relazione sana in amore tossico. E’ un rapporto in cui manca la reciprocità e c’è un costante squilibrio. Da una parte il dipendente che affida al partner le chiavi della propria felicità ed è terrorizzato dall’idea dell’abbandono. Dall’altra una persona che si nutre della dipendenza: prende senza dare nulla in cambio, tende alla fuga e semina insicurezza nella relazione.

Dolore, ansia e paura sono i sentimenti più ricorrenti in questo tipo di rapporto. Di solito il dipendete ha scarsa autostima ed è portato alla continua colpevolizzazione di se stesso- L’assunto inconscio che muove la relazione è: “Devo essere trattato/a male perché non merito amore”. Ci sono inoltre degli elementi molto frequenti:

Nessun progetto condiviso: per esempio solo uno dei due (il dipendente) vuole iniziare una convivenza, sposarsi o avere dei figli;

Poca libertà: regole molto rigide, imposte o autoimposte, che limitano la libertà

Nessuno spazio comune: ognuno tende a vivere esperienze da solo piuttosto che in coppia

Vita sessuale insoddisfacente

Relazioni del genere possono durare anche anni, alimentate dalla meccanica malsana che lega i soggetti. Per questo non è facile troncare anche si è consapevoli della tossicità. E’ inoltre molto frequente impostare continuamente rapporti squilibrati, riproponendo quindi la dipendenza anche con partner diversi nel tempo.

Quante volte abbiamo sentito o pronunciato frasi del tipo: “Sono sfortunato/a, capitano tutti a me! Ho la calamita per le persone sbagliate”. La calamita è mentale nel senso che tendiamo ad attirare lo stesso tipo di persone perché proponiamo le stesse dinamiche, viviamo insomma sempre la stessa relazione di sofferenza anche se cambia il nome del partner.
Ma la dipendenza non è eterna, è possibile emanciparsi e iniziare una relazione sana e serena. Per un cambiamento profondo e un lavoro di conoscenza interiore la psicoterapia è fondamentale. E’ un percorso, fatto anche di salite e scoperte incredibili, che permette di liberarsi alla paura della solitudine e superare il terrore dell’abbandono per arrivare alla consapevolezza profonda di quello che si nasconde dietro il senso di colpa e la bassa autostima.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

Non per tutta la vita si è destinati a vivere da “crocerossini” e impelagarsi in relazioni continuamente in crisi. Innescare il cambiamento è possibile, basta mettersi in cammino e costruire la relazione su una basa sana: “Mi amo, sono in grado di amare e merito di essere amato”.

E TU COME VIVI LA TUA VITA DI COPPIA? Lascia un tuo commento a questo articolo e iscriviti alla Newsletter 😉

Dr. Roberto Ausilio
Psicologo Psicoterapeuta

Articoli simili: